La Provincia di Roma

Storia e Memoria

Logo per la memoria

La Provincia di Roma per la Storia e la Memoria

La Provincia di Roma vuole tenere vivo il filo conduttore che lega il  presente  del nostro territorio e della nostra comunità con il suo passato; un filo nel quale gli avvenimenti della grande storia, italiana e internazionale, si incrociano e si sovrappongono con le vicende e il vissuto quotidiano che hanno caratterizzato negli anni la nostra provincia, i suoi centoventi comuni, la sua popolazione.

Siamo convinti della necessità di praticare la Memoria per non dimenticare; vogliamo guardare alla storia non tanto per trovare le risposte ai problemi del presente, ma per farci le domande giuste e a partire da queste lavorare affinché gli errori e gli orrori del passato non si ripetano.

Perché governare un territorio non significa solo cercare di amministrare bene, ma anche restituire il senso di un percorso collettivo, di un cammino comune, che ci lega tutti.
Lavorare per la modernizzazione e il rilancio economico e sociale della nostra provincia non è cosa diversa o separata dal cercare di renderla più libera, più aperta, più capace di cogliere le ricchezze e le opportunità che possono emergere dal confronto e dall’incontro con l’altro.

In questa pagina è possibile trovare tutte le principali attività per la Memoria. Iniziative realizzate valorizzando le migliori competenze locali e in collaborazione con le Università, i centri studi e di ricerca italiani e internazionali; per costruire percorsi e progetti nelle scuole e sul territorio finalizzati alla sensibilizzazione dei giovani - e non solo - alle tematiche della storia, della democrazia e della partecipazione.

16 ottobre 1943. Li hanno portati via

16 ottobre 2012

Il Progetto Storia e memoria della Presidenza della Provincia di Roma ha rintracciato il materiale relativo a oltre duecentotrenta bambini ebrei romani deportati dai nazisti tra il 16 ottobre 1943  e la primavera del 1944 conservato presso gli archivi dell’International Tracing Service di Bad Arolsen (Germania).

Si tratta di materiale in larga parte inedito che viene così restituito, per la prima volta dopo oltre sessant’anni, alla Comunità ebraica di Roma e alle famiglie dei bambini romani assassinati al loro arrivo ad Auschwitz.

La stessa documentazione è stata  raccolta in un volume che è stato presentato congiuntamente alla consegna del materiale alla Comunità ebraica di Roma  martedì 16 ottobre 2012.

16.10.1943 Li hanno portati via (edito da Fandango Libri)

Per approfondimenti, clicca qui a destra, tra i progetti, alla voce 16 ottobre 1943

 

 

Ricordando Shlomo Venezia

shlomo venezia

Shlomo Venezia ci ha lasciati.

Vogliamo rivolgergli un pensiero e un commosso ringraziamento per la generosità, la passione e l’umanità con cui in questi anni si è dedicato alla ricostruzione di ciò che è stato e alla trasmissione della memoria.

La sua testimonianza, il suo coraggio, i suoi insegnamenti non andranno perduti, ma rimarranno sempre parte di tutti noi e delle migliaia di ragazzi e ragazze che hanno imparato a conoscerlo e ammirarlo nei tanti Viaggi della memoria e nelle tantissime iniziative cui Shlomo, instancabilmente, partecipava.

Alla moglie Marika, ai suoi figli e a tutta la sua famiglia il nostro sentito abbraccio e ringraziamento.

 A questo link è possibile visionare il video prodotto dalla Provincia di Roma sulla testimonianza di Shlomo Venezia: http://www.youtube.com/watch?v=Yn5kcQwLjAU

 

XHTML 1.0 Valido!|RSS Validi