La Provincia di Roma

Riserva Naturale di Monte Catillo

R.N. Monte  Catillo

Ente gestore: Città metropolitana di Roma Capitale 

Direttore: Arch. Angelo Maria Mari. E-mail: direttoreareeprotetteatcittametropolitanaroma [dot] gov [dot] it 

Sede gestore: Dip. IV - Servizio Aree protette, tutela della flora e della biodiversità, via Tiburtina 691 - 00159 Roma. Tel. 06/67663350; fax 06/67663196.

Referente dell'area: dr.ssa Maria Vinci

Uffici della Riserva: Edificio Pastori, Piano Mezzanino, via Munazio Planco snc. 00019 Tivoli tel. e fax: 0774-453420; e-mail: riservanaturalemontecatilloatcittametropoltianaroma [dot] gov [dot] it

Legge istitutiva: Legge Regione Lazio 29/97

Comuni: Tivoli

Estensione: 1320 ettari

Come arrivare: Autostrada A24 Roma-L'Aquila-Teramo, uscita Tivoli o Castel Madama; via Tiburtina. Linea ferroviaria Roma-Pescara da Roma Termini, fermata Tivoli o Bagni di Tivoli. Linee CO.TRA.L da Roma Ponte Mammolo (stazione metro B)

Altri Indirizzi Utiliareeprotetteatprovincia [dot] roma [dot] it (WWF) di Tivoli, via dei Sosii, 18 Tivoli;  CAI sezione di Tivoli, via del Trevio, 19.

IR (Indice di Rischio Complessivo): Comune di Tivoli 3,35.

 

Nulla osta: Art. 28 della L.R. 29/97: “Il rilascio di concessioni od autorizzazioni, relativo ad interventi, impianti ed opere all’interno dell’area naturale protetta, è sottoposto a preventivo nulla osta dell’ente di gestione ai sensi dell’art. 13, commi 1, 2 e 4, della L. 394/1991.”

 

La R.N. di Monte Catillo si estende per 1320 ettari sui Monti di Tivoli, in continuità con le propaggini meridionali dei Monti Lucretili e interamente compresi nel comune di Tivoli. Prende il nome da una cima dei Monti Comunali Tiburtini, che si erge fra la via Empolitana e la via Tiburtina presso l’area urbana di Tivoli, facilmente riconoscibile per una croce posta alla sua sommità. L’area protetta ricade ai margini della campagna romana e dell’area cornicolana, dove una pianura costellata di bassi terrazzi fluviali, collinette tufacee e isole calcaree entra in contatto con i primi rilievi appenninici. Lungo i sentieri che attraversano la Riserva, dominando il corso dell’Aniene, si avvicendano suggestivi punti panoramici sulla campagna romana a sud-ovest, sull’Appennino laziale a nord-est e, localmente, sulle imponenti cascate del fiume Aniene, il centro storico di Tivoli e Villa d'Este.
La ricchezza del patrimonio floristico e vegetazionale caratterizza l’area di Monte Catillo e ha motivato l’istituzione della Riserva con fini di conservazione e tutela; si è scelto, pertanto, un elemento botanico per rappresentare simbolicamente questa Riserva. Il logo è stato elaborato in collaborazione con gli allievi dell’Istituto Superiore d’Arte di Tivoli, utilizzando il profilo stilizzato di una foglia di pseudosughera, specie rara presente con alcuni esemplari nelle zone boscate.

Nell'area protetta è possibile utilizzare l'area picnic, in prossimità della località Fonte Bologna,  attrezzata con barbecue.

A partire dal 2011 è stata attivata l'iniziativa "Parchi aperti alla Partecipazione" , con l'istituzione della Consulta degli Attori sociali per assicurare una gestione innovativa delle Aree protette. 

19 Aprile 2016

XHTML 1.0 Valido!|RSS Validi