La Provincia di Roma

Palazzo Incontro

Facciata esterna dopo la ristrutturazione
Dopo anni di abbandono e incuria, il 27 ottobre 2006 l’Amministrazione provinciale di Roma ha restituito ai cittadini il Palazzo situato nel cuore della Capitale, in via dei Prefetti 22, che ha preso il nome di “Palazzo Incontro”. Rimasto chiuso per quasi trent’anni, Palazzo Incontro ha ritrovato il suo antico splendore grazie ad un’imponente opera di restauro che ha portato al recupero dell’intero stabile, ora destinato ad iniziative culturali, artistiche, sociali e istituzionali di carattere nazionale ed internazionale. 

La ristrutturazione del Palazzo fa parte di un’articolata operazione di restauri che la Provincia di Roma porta avanti in tutto il territorio. Restaurare per riaprire e ridare agli altri è infatti il compito per eccellenza di ogni amministrazione, ogni governo, ogni Stato.

E dal 7 dicembre 2010 Palazzo Incontro si è rinnovato e trasformato per diventare, anche Fandango Incontro, dopo i lavori di adeguamento e manutenzione realizzati da Civita e Fandango in collaborazione con la Provincia di Roma e con la consulenza dello Studio Architetto Michele De Lucchi S.r.l.
I lavori intrapresi hanno dato vita a Fandango Incontro - il Caffè letterario con annessa la libreria collocati al piano terra - e al rinnovamento degli spazi espositivi nei due piani superiori.

Un nuovo polo culturale della capitale, promosso con l’obiettivo di favorire lo sviluppo di uno spazio di “incontro”, non usuale tra culture, esperienze e identità nell’ambito della variegata offerta culturale della capitale.
“Fandango Incontro” si pone come punto di aggregazione e luogo di relazioni per la città e la sua provincia, nell’ambito di un dialogo che vuole essere prevalentemente multidisciplinare e per un progetto di ampio respiro rivolto, in particolare, alle giovani generazioni, con l’ambizione di coinvolgerle attivamente con stimoli e occasioni fattive di scambio e proposte mirate.

Il pianoterra, dell’ampiezza di 250 mq., si caratterizza come un luogo aperto al pubblico (anche la sera e oltre gli usuali orari museali), accessibile a tutti anche attraverso la disponibilità di un collegamento free wi-fi. In questo spazio si trova un Caffè letterario con annessa la libreria, di carattere generalista.
 Nei due piani superiori hanno sede gli spazi espositivi,  anch'essi interessati da importanti lavori di rinnovamento che li hanno dotati di nuove pannellature e di un nuovo impianto illuminotecnico. Questa rinnovata sede espositiva è un luogo che dedica particolare attenzione a temi come il fumetto, la fotografia, l’illustrazione e la divulgazione scientifica, in sintonia con le aspettative di quanti seguono i più stimolanti fermenti della nostra epoca culturale.
 

XHTML 1.0 Valido!|RSS Validi